Rimedi contro l’occhio secco: perché scegliere il Rexon Eye

Sindrome dell’occhio secco: di cosa si tratta
La secchezza oculare è una patologia causata principalmente da un’alterazione qualitativa
o quantitativa del film lacrimale, ovvero la sottile pellicola che ricopre l’occhio,
proteggendolo e lubrificandolo adeguatamente. La sindrome dell’occhio secco può avere
origine da una non sufficiente produzione lacrimale (origine iposecretiva) oppure da
un’eccessiva evaporazione delle lacrime (origine evaporativa): quest’ultimo caso, che
coinvolge l’80% dei pazienti, è dovuto al malfunzionamento delle ghiandole di Meibomio
che si trovano sul bordo delle palpebre e sono appunto le responsabili della produzione del
film lipidico che regola l’evaporazione del film lacrimale.
I principali sintomi della sindrome dell’occhio secco possono essere:
 Secchezza oculare;
 Bruciore;
 Sensazione di corpo estraneo nell’occhio;
 Infiammazione;
 Maggiore sensibilità e fastidio alle fonti luminose;
 Costante prurito.
L’occhio secco può essere causato da diversi fattori, primo fra tutti l’età: con l’avanzare
degli anni, infatti, compare una progressiva atrofia delle ghiandole lacrimali, soprattutto di
quella principale che è localizzata nell’angolo supero-esterno dell’orbita e secerne la
componente acquosa che costituisce il 95% del film lacrimale. La sindrome dell’occhio secco
si presenta molto più spesso nelle donne in quanto gli ormoni femminili svolgono un ruolo
decisivo nella produzione delle lacrime, al punto che durante la menopausa o in gravidanza
l’incidenza della sindrome dell’occhio secco aumenta notevolmente. Altri fattori scatenanti
della secchezza oculare possono essere un abuso scorretto delle lenti a contatto, soprattutto
quelle conosciute come “morbide”, l’inquinamento ambientale e l’eccessivo utilizzo di
dispositivi elettronici quali computer e smartphone.
I rimedi contro la secchezza oculare: Rexon
Eye

Nonostante sia una patologia ampiamente conosciuta e studiata, i trattamenti medici fino ad
oggi sono rimasti ben lontani dal trovare una soluzione duratura e adattata a tutte le
tipologie di secchezza oculare. Uno dei metodi maggiormente utilizzati negli ultimi anni per
contrastare la sindrome dell’occhio secco è stato lo sfruttamento della luce pulsata: si tratta
di una particolare tecnologia che produce una luce policromatica stimolando così le
ghiandole di Meibomio e portandole a riprendere il loro normale funzionamento. Questo tipo
di trattamento agisce sul sistema vascolare presente proprio attorno a queste ghiandole,
diminuendo l’infiammazione e la carica batterica presente nelle palpebre. Tuttavia, tale
approccio medico, seppur consolidato, risulta ormai vecchio e obsoleto, in quanto può
trattare solamente l’80% dei casi di sindrome da occhio secco, non riuscendo ad operare
su numerosi pazienti quali, ad esempio, i fotosensibili.
Per questo motivo occorre rivolgersi all’innovativo trattamento Rexon Eye di Resono, una
terapia della durata di 4 sessioni da 20 minuti ciascuna e da svolgersi ad una settimana di
distanza l’una dall’altra. Il trattamento Rexon Eye non è per niente invasivo né doloroso, ma
anzi viene giudicato piacevole e rilassante dai pazienti che ne hanno beneficiato. Inoltre,
contrariamente alla luce pulsata, non necessita dell’utilizzo di particolati gel né di dover far
distendere il paziente. Adatto a tutte le tipologie di secchezza oculare, sia evaporative
che iposecretive, grazio allo sfruttamento delle radiofrequenze può curare il 100% dei casi
di sindrome dell’occhio secco.
Il principio base di Rexon Eye è l’innovativa tecnologia QMR (Risonanza Quantica
Magnetica): si tratta di un segnale elettrico alternato contenente uno specifico intervallo di
frequenze – da 4 a 6 MHz – che viene messo in risonanza con i legami molecolari del
tessuto biologico così da favorire i meccanismi di rigenerazione cellulare e stimolare i tessuti
ghiandolari coinvolti, aiutandoli nella produzione lacrimale.
Cerchi un centro per la cura dell’occhio secco a Roma?
Ecco Istituto Oftalmico Romano

Se hai riscontrato i sintomi della sindrome dell’occhio secco e sei alla ricerca di un centro
avanzato e professionale per la cura dell’occhio secco, l’Istituto Oftalmico Romano è a tua
disposizione. Tramite un team esperto e la presenza di medici specializzati all’interno della
struttura potrai risolvere rapidamente il problema della secchezza oculare e riprendere
quanto prima la normale attività quotidiana. Il centro romano ospita tecnologie
all’avanguardia e un personale qualificato nell’utilizzo dell’innovativa Rexon Eye, una
soluzione unica, dagli effetti duraturi e che, rispetto alle altre terapie presenti sul mercato,
garantisce un’efficacia nel 100% dei casi.
Inoltre, grazie all’apposita mappa, hai la possibilità di consultare le numerose sedi in Italia
che si stanno dotando di questa avanzata tecnologia, così da poter scegliere la struttura più
vicina a te, per una cura dell’occhio secco come mai si era vista prima d’ora.

  • https://www.claudiocarelli.it/2017/03/31/diagnosi-e-terapia-dellocchio-secco/
  • https://www.cdi.it/news/sindrome-dellocchio-secco-la-luce-pulsata-puo-aiutare/
  • https://www.centroitalianoocchiosecco.it/occhio-secco-cause-scatenanti/
    http://www.studiopedrotti.it/sites/default/files/documents/occhio-secco-2.pdf
Author

Leave a Comment

Your email address will not be published.